Giovedì 24 Aprile 2014

Albavilla, l’iron man

che voleva correre 24 ore

1 Angelo Pollini accanto alla croce del Bolettone2 Alla quarta e ultima salita, prima del ritiro a causa di un temporale che si è abbattuto sulla montagna

Il ponte pasquale ad allentare la morsa del lavoro e la grande passione per la montagna, in particolare per il monte Bolettone. Questi gli ingredienti che hanno spinto Angelo Pollini a mettere in campo martedì un’impresa al limite dell’impossibile: salire e scendere dal monte Bolettone ininterrottamente per ventiquattro ore.

Purtroppo l’atleta di Anzano del Parco (42 anni compiuti lo scorso 10 marzo) non è riuscito a portare a termine la sua fatica ed ha dovuto alzare bandiera bianca, dopo nove ore, attorno alle 21, a causa dell’insorgere di alcuni problemi allo stomaco, provocati da un improvviso temporale.

Nel frattempo però aveva portato a termine quattro salite ed altrettante discese, per un totale di 3.600 metri di dislivello positivo e quasi 50 km.

«Ho approfittato del fatto che dopo Pasqua avevo a disposizione una settimana di ferie - spiega - E così per non restare a casa con le mani in mano ho “rubato” un po’ l’idea dell’amico e compagno di tante salite Sergio Bernasconi e ho pensato di fare una bella 24 ore sul percorso che da Albavilla porta sino alla cima del monte Bolettone, seguendo il tracciato del trofeo Jack Canali».

© riproduzione riservata