Auto, il certificato di proprietà ora è solo digitale

Auto, il certificato di proprietà ora è solo digitale

Da lunedì non sarà più emesso il certificato cartaceo

«Da lunedì le operazioni di acquisto o trasferimento di una vettura non avranno più bisogno di un certificato di proprietà cartaceo ma all’automobilista basterà avere la ricevuta di un versamento con un codice che servirà al cittadino per collegarsi al sito internet dell’Aci e verificare in tempo reale qual è lo stato della proprietà della propria vettura».

Così il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, ha illustrato in conferenza stampa il nuovo certificato di proprietà digitale. Attualmente sono circa 50 mila le trascrizioni compiute quotidianamente dal Pra per un totale di oltre 11 milioni l’anno. Formalità che si suddividono indicativamente in 1,8 milioni di nuove iscrizioni, sei milioni di trasferimenti di proprietà, 1,7 milioni di radiazioni e circa 1,2 milioni di altre tipologie tra iscrizioni, ipoteche, fermi amministrativi, perdite di possesso, duplicati, etc. Ad esse sono poi da aggiungere circa 1,5 milioni di formalità d’ufficio.

In particolare uno dei vantaggi importanti del nuovo Cdp digitale, ha sottolineato Sticchi Damiani, «riguarderà i circa 300 mila cittadini che ogni anno smarriscono o subiscono il furto del certificato di proprietà e per la cui richiesta di duplicato spendono annualmente circa 15 milioni di euro. Con la digitalizzazione questi soldi, di cui circa 4,5 milioni andavano all’Aci, saranno risparmiati».

Un altro vantaggio del documento digitale è che non si perde, non si deteriora e non può essere sottratto illecitamente. Vengono inoltre eliminate tutte le possibili frodi legate alla riproduzione fisica del documento. Un grosso vantaggio, inoltre, ci sarà per l’ambiente. Il presidente dell’Aci ha infatti sottolineato «la scomparsa, a regime, di 300 milioni di fogli di carta, ovvero 30 milioni di fogli all’anno che equivalgono a circa 9 mila chilometri, la distanza tra Roma e Rio de Janeiro, o meglio un bel bosco di oltre 400 alberi risparmiati ogni anno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA