Buono mensa di colore diverso ai poveri  Poi il sindaco di Ponte Lambro ci ripensa
L’ampliamento della mensa è stato inaugurato nel settembre 2006 dal preside Riccardo Radaelli (Foto by archivio)

Buono mensa di colore diverso ai poveri

Poi il sindaco di Ponte Lambro ci ripensa

Sorpresa Il rischio di discriminazioni segnalato dall’ex assessore e dalla commissione

Pelucchi torna sui suoi passi: «Non è stata una buona idea, ma rimangono i ticket di carta»

Tornano i buoni mensa cartacei. Il sistema moderno funzionava male.

Solo che il ritorno al passato ha generato polemiche che hanno fatto fare subito marcia indietro al sindaco Ettore Pelucchi.

In un primo momento si pensava infatti di usare tagliandi di colore diverso per chi aveva famiglie con difficoltà economiche e chi no. Ma in questo modo i poveri sarebbero stati discriminati secondo l’ex assessore ai servizi sociali Giacomo Livi

Quindi il colore è uguale per tutti, ma il sistema delle tessere cartacee rimane: con le tessere ricaricabili la gente non pagava, dice infatti il sindaco.

Ampio servizio su La Provincia in edicola domenica 5 luglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA