Giovedì 22 Agosto 2013

Caccia al killer in Svizzera
Ma era solo un sosia

Uno dei fotogrammi dell'autore dell'omicidio della commerciante Maria Angela Patrizia Granomelli

Un automobilista molto simile al killer di Saronno visto a bordo di un’auto targata ticino e diretta in Svizzera ha fatto scattare la caccia all’uomo, nei giorni scorsi.

I carabinieri del reparto operativo di Varese, che con il pubblico ministero di Busto Arsizio Nadia Calcaterra dal giorno del delitto stanno dando la caccia all’omicida, si sono messi in contatto con il Centro di polizia doganale di Chiasso e chiesto di effettuare verifiche sul numero di targa dell’auto.

La polizia cantonale ha rintracciato il sospettato a Mendrisio: sembra davvero l’assassino, ma a fugare ogni dubbio sulla sua totale estraneità nella morte della proprietaria de “Il dono di Tiffany” di Corso Italia a Saronno ci pensano un alibi inattaccabile e soprattutto le impronte digitali.

A diciannove giorni dall’aggressione di Maria Angela Granomelli, 62 anni di Uboldo, gli inquirenti continuano a contare nell’aiuto dei cittadini. E il pubblico ministero sta ipotizzando la possibilità di rendere pubblici spezzoni del video ripreso dalle telecamere di sicurezza della gioielleria, per poter agevolare l’eventuale identificazione del killer.

© riproduzione riservata