Chiesto il giudizio immediato   per il pugile “Raim”
Abderrahim Moutharrik detto “Raim”, 27 ann

Chiesto il giudizio immediato

per il pugile “Raim”

La Procura di Milano vuole processare i quattro marocchini fermati nel corso del blitz del 28 aprile - La Digos aveva arrestato il pugile lecchese dopo che aveva ricevuto il “poema bomba “, con l’ordine di colpire

A distanza di quasi cinque mesi dal blitz antiterrorismo nella nostra città, la Procura di Milano ha chiesto il processo con rito immediato nei confronti di quattro presunti terroristi legati all’Isis e arrestati in un’operazione congiunta Digos di Lecco e Ros lo scorso 28 aprile.

Si tratta di Abderrahim Moutaharrik, detto “Raim”, 27 anni campione internazionale di kickboxing, marocchino che viveva a Lecco e di sua moglie Salma, oltre ad Abderrahmane Khachia, 23 anni, marocchino, residente invece in provincia di Varese e Wafa Koraichi, 24 anni, sorella di un altro cittadino marocchino che con la moglie e i tre figli si troverebbero in Siria come foreign fighter.

Stando alle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Enrico Pavone e Francesco Cajani, Moutaharrik avrebbe ricevuto un ordine direttamente dal Califfato, lo scorso aprile, con un messaggio in «arabo classico» inviato sul suo cellulare tramite Whatsapp per commettere un attentato.

L’articolo completo su La Provincia di Lecco in edicola domani, 20 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA