Sabato 01 Giugno 2013

Chiusi metà degli ingressi

ai giardinetti di Sagnino

Uno dei cancelli chiusi sempre ai giardini di via Sagnino
(Foto by Foto Pozzoni)

Due entrate su quattro ai giardinetti di via Sagnino sono chiuse. Il problema è che una delle due è proprio quella vicino al posteggio dove le mamme e le nonne lasciano le auto prima di scaricare i figli e nipoti dai seggiolini e sistemarli sui passeggini.

Entrata pericolosa

Così devono fare il giro ed entrare dalla strada. Cosa che con i figli piccoli non è possibile. Per questo i genitori si lamentano. Avere due entrate su quattro inutilizzabili, chiuse ventiquattro ore su ventiquattro, con la catena, è scomodissimo. E genitori costretti ad entrare nei giardinetti di via Sagnino usando l’entrata sulla strada invece che quella più comoda del parcheggio.

«Tutti i cancelli vengono chiusi con le catene, ma soltanto due vengono poi aperti per poter entrare nel parco e purtroppo uno degli accessi che resta perennemente chiuso è quello che si affaccia sul parcheggio – dice Maddalena Greco – ovvero l’entrata più comoda per chi viene qua con i bambini, magari con i passeggini o con le biciclettine».

La mamma spiega che ormai sono mesi che si può entrare solo dal cancello in via Sagnino, ovvero una strada a doppio senso, stretta e senza marciapiede, oppure dall’altro cancello di via Quaglio, che però è dalla parte opposta rispetto al parcheggio e quindi costringe a fare tutto il giro, sempre in mezzo alla strada, o passare attraverso una proprietà privata». Una situazione che rischia di diventare pericolosa per i più piccoli.

Leggi l’approfondimento su La Provincia in edicola sabato 1 giugno

Simona Facchini

© riproduzione riservata