Giovedì 10 Ottobre 2013

Gomme tagliate

all’auto dell’assessore

La schiuma per infissi spruzzata sull’auto dell’assessore.

Due gomme tagliate e la Mercedes dell’assessore Pino Lombardo, che si occupa delle aziende partecipate del Comune, completamente ricoperta con una sorta di schiuma chimica, che assomiglia a quella in genere utilizzata per fissare i serramenti e le finestre.

Questo è stato lo sgradevole finale a sorpresa della seduta del consiglio comunale di martedì sera.

All’ordine del giorno c’erano argomenti che hanno accesso il dibattito, tra i quali anche la drammatica situazione delle aziende partecipate, che ha visto l’assessore Lombardo intervenire a più riprese: toni accesi, sempre però nell’ambito del consueto confronto politico e nessuna intemperanza da parte del pubblico, con tanta gente che ha seguito il dibattito sino a tarda notte.

La riunione si è conclusa all’una e trenta di notte, consiglieri e pubblico hanno lasciato la sala consigliare alla spicciolata. ad avvisare telefonicamente il sindaco Luigi Monza del raid sono stati alcuni consiglieri di maggioranza che avevano posteggiato vicino a Lombardo, nella strada retrostante al municipio. Senza parole l’assessore: « Non mi aspettavo nulla del genere, per il momento non ho altro da aggiungere.

«Sono certo che quanto avvenuto non sia riconducibile alle attività del consiglio comunale, non voglio neppure immaginare una cosa del genere – fa sapere il sindaco - . Non sono comunque questi atti che ci possono scoraggiare, siamo convinti anzi di essere sulla strada giusta e siamo quindi determinati ad andare avanti; ho sentito Lombardo e gli ho ribadito la solidarietà di tutta l’amministrazione».

Il vice-sindaco, Francesca Preatoni: «Siamo rimasti tutti male, quel che è successo è davvero scoraggiante, ma siamo determinati ad andare avanti; ho paura però che questo fatto non sia del tutto estraneo al lavoro che l’assessore ha avviato riguardo alla situazione finanziaria del Comune e delle partecipate. Da quando ci siamo insediati, non mi risulta comunque che ci sia stato alcun altro atto di questo genere».

«Massima solidarietà all’assessore Lombardo, ma non è la prima volta che durante le sedute di consiglio qualche cretino o delinquentello si diverte a compiere atti vandalici sulle auto parcheggiate all’esterno del Comune - dice l’ex sindaco Giancarlo Galli. È già capitato anche a me e un altro assessore. La dialettica politica è però cosa troppo seria per essere inficiata da atti di piccola delinquenza». Oltre alla vettura dell’ex-sindaco Galli - rigata per ben due volte, per circa mille euro di danni - era stata presa di mira in passato, anche l’auto dell’ex-assessore Mario Mortarotti. Ad avere problemi pure l’ex-segretario comunale, Cosimo Montalto: «a me è successo tre-quattro anni fa, una volta mi hanno gettato un abrasivo sul cofano, che ho dovuto far riverniciare, in un’altra occasione mi hanno spaccato i finestrini; penso siano atti di piccola delinquenza. Non conosco personalmente l’assessore Lombardo, ma voglio comunque esprimergli la mia solidarietà»».

© riproduzione riservata