«Io, nell’Isis per sbaglio: non c’entro»  Il ragazzo intervistato da La Provincia
Il ragazzo frequenta la Leonardo da Vinci, a Como: ora è stato posto sotto sorveglianza speciale

«Io, nell’Isis per sbaglio: non c’entro»

Il ragazzo intervistato da La Provincia

Cermenate, parla il ragazzo sorvegliato speciale: «È colpa di internet, è tutto un fraintendimento»

«Sono estraneo e del tutto contrario all’Isis. Credo che ci sia stato un fraintendimento: ero un ragazzo quando ho visto quei video, che chiunque altro avrebbe potuto vedere su Facebook». E’ quanto afferma in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Provincia il ragazzo italo-tunisino di 18 anni sottoposto alla misura della sorveglianza speciale dalla procura di Brescia per sospetto terrorismo. Circostanza negata dal ragazzo, che vive a Cermenate (Como) con i genitori e frequenta una scuola superiore di Como. «Nel video si prometteva un tenore di vita alto, ville, lusso. È così che ho iniziato a chattare con una persona, parlavamo di tutto».

Il ragazzo ammette di avere scritto qualche frase di troppo e di essere stato incuriosito dai campi di addestramento in Siria. “Mi sono fatto trascinare, ma non capivo quello che stavo facendo - spiega- Quando ho visto in televisione che la persona con cui chattavo è stata arrestata tutto mi è sembrato incredibile. Con la polizia ho collaborato subito: ho detto tutto quello che sapevo. In famiglia frequentiamo la moschea, ma di estremo, nella nostra vita, non c’è proprio nulla».


© RIPRODUZIONE RISERVATA