Maglie della Juventus “taroccate”  Coinvolta un’azienda comasca

Maglie della Juventus “taroccate”

Coinvolta un’azienda comasca

L’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Torino. Molte province interessate (IL VIDEO DEL BLITZ)

Magliette della Juventus “taroccate”. Le hanno scoperte i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino, al termine di un’articolata attività investigativa condotta nel settore del merchandising sportivo ed intensificatasi con la fine del campionato di calcio. Risalendo alla filiera produttiva/distributiva della contraffazione, i baschi verdi torinesi sono arrivati anche ad un’azienda della provincia di Como. Nell’operazione sono state interessante anche le province di Bergamo, Lodi, Livorno, Lecco, Rimini e Roma. Cinque in totale le fabbriche sono state sequestrate, una delle quali nel comune di Lodi Vecchio (LO), completamente abusiva.Nel corso di quest’ultimo intervento è stato anche identificato un cittadino venezuelano irregolare che è stato denunciato.

Complessivamente le perquisizioni hanno consentito di sottoporre a sequestro 800.000 file e cliché relativi a marchi registrati, oltre 200.000 articoli contraffatti pronti per essere commercializzati, 600.000 etichette, nonché ben 90 macchinari industriali impiegati per la produzione del materiale illecito. Al termine del servizio i 12 responsabili delle attività illecite sono stati denunciati per i reati di produzione ed immissione in commercio di articoli contraffatti.

I particolari e le immagini su La Provincia di Como di domenica 10 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA