Malore in un’azienda di Inverigo  Grave cliente che comprava mobili
Inverigo - Malore alla Poliform. L’elisoccorso è atterrato all'interno dell'azienda (Foto by Foto Edoardo Terraneo)

Malore in un’azienda di Inverigo

Grave cliente che comprava mobili

Artigiano di Giussano colpito da infarto alla Poliform: trasportato d’urgenza in elisoccorso. Un dipendente gli ha subito applicato un defibrillatore dell’azienda. L’uomo, 59 anni, lotta per la vita in rianimazione a Varese

Rischia di essere fatale un malore improvviso per un artigiano brianzolo. Protagonista suo malgrado dell’evento è Giuseppe Piemonte, 59 anni, residente a Giussano, ma originario di Mariano, colto da un infarto mentre si trovava all’interno della “Poliform” di Inverigo. L’allarme è stato lanciato poco dopo le 12,30 di ieri quando l’uomo stava scegliendo i mobili da acquistare per lavorarli in un momento successivo tra gli spazi della sede storica dell’azienda, ormai diventata sinonimo di arredo.

Il primo a soccorrerlo è stato un dipendente della società che, formato all’utilizzo del defibrillatore, subito lo ha applicato sul petto dell’uomo. Un gesto che ha permesso di guadagnare minuti preziosi nella battaglia per la vita in attesa dei soccorsi. Alla chiamata d’emergenza hanno risposto nell’arco di poco tempo l’ambulanza della Lario Soccorso arrivata sul posto insieme all’auto-medica di Erba. Intervenuta in codice rosso, il massimo della gravità nel triage ospedaliero, l’equipe sanitaria ha richiesto anche l’intervento dell’elisoccorso.

Stabilizzate le sue condizioni, l’uomo è stato quindi trasportato in eliambulanza all’ospedale “Il Circolo” di Varese. E qui si trova tutt’ora ricoverato in prognosi riservata impegnato nella battaglia per la vita nell’anno che lo porterà a tagliare il traguardo dei 60 anni con dicembre. A ricostruire il puzzle di quanto accaduto all’interno dell’azienda sono stati i Carabinieri di Cantù presto intervenuti sul posto per fare chiarezza sull’accaduto, ricostruendo l’episodio grazie anche ai racconti dei presenti in quella che è la sede storica della società brianzola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA