Menaggio, investe ciclista e poi scappa   Non aveva l’assicurazione: denunciato
I soccorsi al ciclista olandese di 53 anni travolto sulla Regina nel giorno di Ferragosto (Foto by Selva)

Menaggio, investe ciclista e poi scappa

Non aveva l’assicurazione: denunciato

Si è presentato ai carabinieri che lo stavano cercando dopo avere intercettato l’auto con le telecamere

Ci ha messo un giorno per pentirsi e presentarsi ai carabinieri della stazione di Menaggio e ammettere quel che i militari già sapevano dopo avere raccolto testimonianze e visionato le immagini del sistema di videosorveglianza comunale. Sì, sono stato io a investire quel ciclista» ha detto l’uomo di 32 anni originario del Perù e residente a Milano, a Menaggio da alcuni amici, che poco prima delle 11 di Ferragosto ha travolto all’altezza di via IV Novembre il turista olandese di 53 anni da una settimana in vacanza sul lago che in quel momento stava pedalando lungo la Regina. Uno sguardo e via, verso una improbabile fuga. Forse anche perché il “pirata” sapeva che un rapido controllo avrebbe riportato alla luce le sanzioni amministrative del passato per la guida sotto l’effetto degli alcolici. È fuggito verso il centro mentre i carabinieri della stazione di Menaggio arrivavano sul luogo dell’incidente per sincerarsi delle condizioni del ferito e risalire all’identità del fuggitivo.  Le testimonianze raccolte hanno permesso di identificare in una Audi A3 con tettuccio nero l’auto dello sconosciuto che si è dileguato senza prestare soccorso al ferito trasportato dalla Croce Rossa di Menaggio in codice giallo - dopo l’iniziale codice rosso - all’ospedale di Gravedona con traumi giudicati guaribili in 15 giorni. E il fuggitivo? Pensava di averla fatta franca, poi qualcuno deve averlo indotto a ripensare a quanto successo e a confessare l’accaduto. Anche perché i carabinieri hanno visionato le registrazioni dei varchi comunali e accertato effettivamente la presenza di una Audi A3 con quelle caratteristiche che è entrata nella zona controllata, senza più uscirne. Probabilmente era stata nascosta in qualche garage. L’uomo ha preferito presentarsi, prima che i carabinieri bussassero alla sua porta. Il ciclista è stato dimesso e potrà trascorrere un’altra settimana in riva al lago. Il “pirata” è stato denunciato per omissione di soccorso ma dovrà fare ritorno a casa con un altro mezzo: la patente gli è stata ritirata e l’Audi è stata posta sotto sequestro perché sprovvista di assicurazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA