Morì in moto a Varenna
Un agente lo scagiona

La testimonianza fornita ieri in Tribunale a Lecco proverebbe che è stato l’imputato a saltare corsia

Morì in moto a Varenna Un agente lo scagiona
Massimo Pozzi, il motociclista comasco di Inverigo morto il giorno di Pasqua di tre anni fa

Sulla dinamica dell’incidente che, la mattina del 16 aprile di tre anni fa, giorno di Pasqua, è costato la vita a Massimo Pozzi, motociclista di 45 anni residente a Inverigo, continuano a permanere dubbi. Se infatti, nella scorsa udienza, l’unico testimone oculare della tragedia aveva raccontato sarebbe stata la vittima, a bordo di una Ducati, a invadere l’opposta corsia di marcia, andando a impattare frontalmente contro la moto Bmw guidata da Luca Miano, 65 anni, lecchese, a processo in Tribunale davanti al giudice Giulia Barazzetta per l’ipotesi di reato di omicidio stradale (è difeso dagli avvocati Anita Discacciati e Stefano Pelizzari), ieri l’ispettore della Polizia stradale di Lecco Pietro Matteo De Angelis ha detto l’opposto. Ossia che, a suo giudizio, sarebbe stata la Bmw a invadere, anche se di poco, l’opposta corsia di marcia mentre stava sopraggiungendo Pozzi. Ieri mattina in Tribunale a Lecco, davanti al giudice Barazzetta, era attesa anche la testimonianza dei consulenti di parte, quella dell’accusa e quello della difesa, esame che è stato rinviato al 2 febbraio del prossimo anno per l’indisponibilità a partecipare all’udienza del perito della Procura per un grave problema personale emerso nelle ultime ore. Così, ieri è stato ascoltato in aula solo l’ispettore della Polizia stradale, che ha raccontato degli accertamenti svolti quella mattina, quando arrivò sul luogo della tragedia (la provinciale 72, a Varenna). A suo giudizio sarebbe stato l’imputato a invadere l’opposta corsia di marcia mentre stava sopraggiungendo la vittima, mentre il testimone oculare che aveva deposto nell’ultima udienza aveva raccontato l’opposto. Determinante a questo punto la ricostruzione dei consulenti di parte, che testimonieranno il prossimo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True