Primavere, conto alla rovescia  Martedì il debutto con Micheli
Francesco Micheli L'elisir d'amore off (Foto by Carlo Pozzoni)

Primavere, conto alla rovescia

Martedì il debutto con Micheli

Tra una settimana tornano Le Primavere di Lecco, gli incontri organizzati dal nostro quotidiano per aiutarci a riflettere su alcune delle tematiche più importanti del nostro tempo.

Tema di questa terza edizione lecchese sarà “Occidente. Chi siamo, cosa non dobbiamo diventare”. Ad interpretarlo, sempre al Teatro della Società a Lecco, saranno Francesco Micheli e Federico Rampini. Martedì 17 maggio, alle 21, Francesco Micheli, direttore artistico della Fondazione Donizetti di Bergamo, presenterà il suo “Donizetti Revolution”, una fedele ma libera interpretazione dell’opera del celebre musicista. Si parlerà del legame di Donizetti con la terra lombarda, del suo percorso artistico e del perché Donizetti sia uno dei compositori italiani più rappresentati e amati nel mondo, molto più all’estero che in Italia.

Francesco Micheli, regista, divulgatore e direttore artistico della Fondazione Donizetti, mostrerà al pubblico, con una modalità del tutto originale e personale - che lui chiama “Donizetti Revolution”- quali siano gli aspetti caratteristici della poetica del celebre musicista; aspetti che lo rendono diverso da Verdi e da Rossini. “Donizetti Revolution” sarà uno spettacolo narrato, verrà raccontata la vita del musicista attraverso immagini, musica, esecuzioni dal vivo con la presenza del baritono Bruno Taddia. Ci saranno riferimenti a opere come “Lucia di Lammermoor” e “L’elisir d’amore”, ma anche a pagine meno frequentate, per mostrare quanto Donizetti sia stato un compositore rivoluzionario. Moltissime sue opere sono state ambientate all’estero e questo elemento restituisce il desiderio di conoscenza di un artista che era stato fortemente legato alla sua terra, ma allo stesso modo guardava ciò che accadeva in Europa.

Il secondo incontro si svolgerà martedì 24 maggio, sempre alle 21, e vedrà protagonista il giornalista ed editorialista del quotidiano Repubblica, Federico Rampini. Al Teatro della Società metterà in scena il suo spettacolo intitolato “Occidente estremo. Vi racconto il nostro futuro”. Il giornalista ha dato veste teatrale al suo lavoro di inviato, viaggiatore e osservatore delle dinamiche globali. Lo spettacolo intreccia parole e musica, commenti e letture; un viaggio dentro gli ultimi quarant’anni della nostra storia; un’occasione di riflessioni private e pubbliche su come è cambiato il mondo e dunque anche noi. Federico Rampini fa un unico grande racconto delle tante storie che ricorda, ma anche delle analisi politiche e perfino dei dati economici che ha raccolto sul mondo nell’età della globalizzazione.

Si parte dall’America dei tardi anni Settanta fino a Obama, poi si passa in Oriente con le sue fascinazioni ma anche i suoi orrori a cominciare dall’assenza dei diritti umani, e il finale è dedicato all’Europa. Le Primavere di Lecco hanno come main sponsor storico la Novatex di Oggiono ed usufruiscono della collaborazione di Fischer & Reichsteiner, le Cartiere dell’Adda e Acel Service.

Tutti gli appuntamenti delle Primavere sono liberi e gratuiti e vi sarà anche un regalo a chi si iscrive sul sito www.le primaveredilecco.it. Per informazioni si può contattare la segreteria organizzativa, nella sede de La Provincia di Lecco, in via Raffaello, 21; tel. 031 582420 da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 16.00; e-mail: leprimaveredilecco@laprovincia.it. n 

a rassegna organizzata

dal nostro quotidiano

è occasione di riflessione

sui temi dell’attualità


© RIPRODUZIONE RISERVATA