Sabato 10 Maggio 2014

Rapina e spari alla Coop

«Ho tentato di fermarli»

Una pattuglia dei carabinieri ieri fuori dalla Coop

«Ho fermato l’auto all’ingresso del posteggio, proprio davanti a quella Lancia. Speravo che si fermassero. Invece...».

Diego è il ragazzo che ieri mattina, alla Coop, ha tentato inutilmente di bloccare la fuga dei rapinatori. Mentre scendeva lungo via Giussani, in direzione della Cà Morta, li ha visti speronare la moto dei vigili. Costeggiava i platani allineati nell’aiuola che segna il confine del posteggio: «Quando mi sono accorto che qualcosa non andava, cioè quando ho visto quell’agente a terra, ho subito svoltato nel parcheggio bloccando l’auto in modo da impedirne l’uscita».

La Lancia dei rapinatori si è effettivamente fermata: «Poi però - continua Diego - uno dei due è sceso e ha sparato ancora. Mi sono abbassato sotto al cruscotto, la loro auto mi ha urtato ed è fuggita via». Mentre i vigili - che per fortuna sono rimasti illesi - contattano la loro centrale operativa, trenta metri più in là, all’interno della Coop, regna il caos: ci sono tre feriti almeno, uno dei quali - un pensionato di 67 anni che di lì a poco sarà ricoverato per accertamenti - ha riportato un trauma cranico conseguenza di una “testata” inferta da uno dei due banditi, che lo avrebbe prima afferrato per il collo salvo poi colpirlo poco sopra l’orecchio sinistro.

© riproduzione riservata