Sabato 16 Novembre 2013

Reliquia a Parè,

il cuore di Papa Innocenzo

Nel busto di Papa Innocenzo è custodita la reliquia

La cappella nella chiesa parrocchiale, dedicata al beato Innocenzo XI, il Papa comasco Benedetto Odescalchi, si è impreziosita della reliquia del suo cuore.

Reliquia che è stata solennemente accolta in paese nel palazzo, residenza di campagna della famiglia Odescalchi.

«La reliquia è stata consegnata alla nostra parrocchia - afferma don Sergio Bianchi, guida spirituale di Drezzo e Parè - attraverso la Curia vescovile di Como che l’aveva ricevuta dal Vaticano. È stata consegnata direttamente alla mia persona attraverso il custode delle reliquie della Diocesi di Como, don Marco Nogara, attuale coordinatore nella parrocchia di Olgiate Comasco.

«Molte altre reliquie del Beato Innocenzo XI sono conservate nella Sala Innocenzo del palazzo vescovile di Como - prosegue don Sergio - La reliquia donata alla nostra parrocchia si trova incastonata nel busto ligneo che ritrae il Papa comasco nella cappella della Madonna del Rosario della chiesa parrocchiale, realizzata verso il 1680 dal fratello del Papa, Carlo Odescalchi, e decorata dai fratelli pittori Recchi. All’interno della cappella fa bella mostra di sé un’artistica e preziosa statua della Madonna del Rosario, che fu donata dallo stesso fratello Carlo».

Gli affreschi dei fratelli Recchi ritraggono i volti di diversi personaggi della famiglia Odescalchi, che trascorreva le proprie vacanze nella residenza di campagna di Parè, appunto Villa Odescalchi, divenuta, dopo tanti passaggi, palazzo Cetti. Nel 1674 la villa s’impreziosì, sempre per volontà dello stesso fratello Carlo, di un’esedra raffigurante il simbolo di Parè, che ancora oggi, mantenuta in buone condizioni, chiunque potrà ammirare.

Di fronte al palazzo fu costruita poi un’edicola votiva in perfetta linea con gli ingressi dell’intero palazzo: si può verificare tale allineamento di ingressi fino al giardino retrostante la villa, ponendosi con le spalle rivolte alla stessa edicola mariana.

© riproduzione riservata