Rio, aperte le Olimpiadi «Giochi contro l’intolleranza»
L’accensione del braciere olimpico

Rio, aperte le Olimpiadi
«Giochi contro l’intolleranza»

L’ultimo tedoforo è stato Vanderlei Lima, maratoneta cui, per il blocco di un folle in strada, sfuggì l’oro di Atene 2004 poi andato a Baldini. L’incanto di Gisele Bundchen. Applausi per l’Italia guidata da Federica Pellegrini

Rio 2016 apre le sue Olimpiadi e sogna un mondo nuovo: più verde, senza intolleranza e ingiustizie. In una cerimonia di quattro ore piena di ritmo e allegria, il Maracanà si è trasformato in un sambodromo del Carnevale. Alla fine una sorpresa: l’ultimo tedoforo è stato Vanderlei Lima, maratoneta cui, per il blocco di un folle in strada, sfuggì l’oro di Atene 2004 poi andato a Baldini. È stato in parte risarcito con l’accensione del tripode. Assenti Pelè, Bolt e molti capi di Stato, lo stadio ha comunque ospitato forti emozioni e messaggi forti.

Gisele Bundchen, in versione ragazza di Ipanema ha fatto cantare tutto lo stadio e incantato il mondo. All’ingresso degli azzurri, guidati dalla portabandiera Federica Pellegrini, applausi del pubblico e di Matteo Renzi, a Rio con la moglie e uno dei figli anche per sponsorizzare Roma 2024. A dichiarare aperti i Giochi, il presidente ad interim del Brasile, Michel Temer, fischiato da una parte significativa dei presenti al Maracanà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA