Scuola, via libera al pasto da casa?  Primi passi in Regione Lombardia

Scuola, via libera al pasto da casa?

Primi passi in Regione Lombardia

Approvata in Consiglio una mozione del Movimento Cinque Stelle che consente l’alternativa alla mensa nel Comune di Corsico (Mi) e potrebbe aprire la strada alla rivoluzione

ol Consiglio regionale ha discusso e approvato una mozione del M5S Lombardia sul caso del servizio di mensa scolastica presso il comune di Corsico. Il 7 gennaio scorso il sindaco ha infatti sospeso il servizio mensa per quei bambini i cui genitori non hanno pagato la retta.

La mozione invita la Giunta regionale a sollecitare gli organi Istituzionali competenti per «dare la possibilità alle famiglie degli studenti lombardi di scegliere se usufruire del servizio mensa oppure permettere di portare il pasto da casa, dando linee guida per la corretta alimentazione e facendone quindi un momento di reale educazione alimentare anche per le famiglie».

Per Paola Macchi, consigliere del M5S Lombardia e prima firmataria dell’atto: «Il problema è sistemico, molti Comuni lombardi, non solo Corsico, hanno accumulato debiti per i mancati pagamenti per il servizio della mensa scolastica a causa dei costi delle mense in Lombardia insostenibili per molte famiglie ; talvolta arrivano a superare anche i 7 euro a pasto e sia le quote che le fasce Isee relative cambiano da comune a comune».


© RIPRODUZIONE RISERVATA