Tragedia sul Disgrazia, muoiono due alpinisti
Per i due alpinisti non c’è stato nulla da fare

Tragedia sul Disgrazia, muoiono due alpinisti

Entrambi sulla quarantina, bergamaschi, sono precipitati da una quota di 3500 metri mentre stavano affrontando la discesa lungo la parete Normale.

Tragedia in montagna questa mattina sul monte Disgrazia. Due alpinisti bergamaschi, entrambi sulla quarantina, sono precipitati da una quota di 3500 metri mentre stavano affrontando la discesa lungo la parete Normale del Disgrazia.

L’incidente mortale è avvenuto sotto gli occhi atterriti dei compagni di cordata, altri due alpinisti bergamaschi che hanno immediatamente dato l’allarme.

Per i due precipitati non c’è stato nulla da fare. Sono morti dopo un volo di 300 metri. I quattro erano partiti dal rifugio Ponti in Valmasino e hanno affrontato la via Normale del Disgrazia.La tragedia ha visto i due alpinisti scivolare sulla parete Nord.

Sul posto sono intervenuti gli uomini del Cnsas Lombardia, VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna, e i militari della Guardia di finanza. Allertati anche carabinieri e vigili del fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA