Truffa milionaria ai francescani, indagini in Svizzera
Truffa a frati, indagini in Svizzera (Foto by QA)

Truffa milionaria ai francescani, indagini in Svizzera

Perquisizioni a Lugano, coinvolto un broker: secondo l’accusa avrebbe fatto sparire 20 milioni dell’Ordine dei frati minori francescani. L’inchiesta estesa anche in Italia

La polizia svizzera, per ordine della procura di Lugano, sta perquisendo in territorio elvetico abitazioni e uffici del broker finanziario Leonida Rossi, accusato di una truffa, arrivata nel tempo a 20 milioni di euro, ai danni dell’ Ordine dei Frati minori francescani. Attività investigative legate alla stessa vicenda sono in corso anche in Italia da parte della Guardia di Finanza.

Secondo quanto si è appreso da fonti contattate in Svizzera, la denuncia è stata presentata a Lugano dalla Curia Generale dei Frati minori francescani ed il procuratore federale di Lugano Noseda ha disposto le perquisizioni. Analoga denuncia è stata presentata anche a Roma e Milano.

Il broker - secondo quanto si è saputo a Lugano - avrebbe ricevuto, nel tempo, dall’ex economo dell’Ordine dei frati minori somme fino a 20 milioni di euro, per investirle in Svizzera a tassi di interesse - aveva assicurato - non inferiore al 12 per cento. Rossi avrebbe corrisposto inizialmente alcune somme corrispondenti agli interessi, poi - secondo la denuncia dei francescani - non avrebbe restituito né capitale, né interessi, determinando in tal modo l’ammanco nella cassa dell’Ordine dei frati minori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA