Zanzare: in un anno   435 mila morti
Un zanzara del Nilo

Zanzare: in un anno

435 mila morti

Oggi si celebra il World Mosquito Day, la giornata mondiale dedicata alla figura di Sir Ronald Ross, il medico britannico che, il 20 agosto del 1897, gettò le basi per la lotta contro la malaria

Oggi si celebra il World Mosquito Day, la giornata mondiale dedicata alla figura di Sir Ronald Ross, il medico britannico che, il 20 agosto del 1897, gettò le basi per la lotta contro la malaria. Dopo una lunga serie di esperimenti, Ross dichiarò che era proprio la zanzara femmina la responsabile della malattia. È uno degli animali più piccoli presenti sulla Terra, ma di gran lunga il più pericoloso per l’uomo. Ogni anno, infatti, causa centinaia di migliaia di vittime in tutto il mondo. Secondo l’Oms, organizzazione mondiale della sanità, il virus ha provocato nel 2017 più di 435 mila morti e 215 milioni di contagi, concentrati prevalentemente in Africa e in India. Sono diversi i metodi che sono stati pensati per combattere la malattia, ma negli ultimi anni solo uno ha attirato l’attenzione degli studiosi. In tutto il mondo ,infatti, si è sviluppata l’idea di introdurre in natura zanzare rese sterili con modifiche del Dna o attraverso radiazioni ed esposizioni ai batteri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA