Venerdì 13 Giugno 2014

Ecco lo spot svizzero

contro gli italiani

Il confine viene varcato da 24mila frontalieri e sempre più padroncini

Risuona ancora «prima i nostri» in Ticino. Questa volta per le costruzioni con un alt ai padroncini italiani.

La Camera di commercio ticinese, l’Associazione interprofessionale di controllo, l’Unione associazioni edilizia e la Siso (società svizzera degli impresari costruttori) hanno annunciato l’iniziativa «L’economia ticinese unita contro la concorrenza sleale». Quella appunto dei lavoratori indipendenti italiani del settore dell’edizilia e artigiani che offrono servizi alle imprese elvetiche a prezzi inferiori e che - stimano i sostenitori di questa iniziativa - corrispondono a mille posti di lavoro a tempo pieno in Svizzera.

Guarda lo spot

pubblicato dal sito de Il Fatto Quotidiano

«Ogni goccia che cade lontano, rende il vostro prato meno verde. Investire nel giardino del vicino, può essere pericoloso. Nutriamo il nostro territorio, lavoriamo con imprese locali»,

recita lo spot di trenta secondi in cui uno svizzero è intento ad innaffiare il giardino verde del vicino, mentre il suo prato è completamente rinsecchito.

© riproduzione riservata