Giovedì 24 Ottobre 2013

Eleca Cantù, i soldi della cassa

«Almeno si può mangiare»

Cantù - La sede di Eleca

Dopo otto mesi arrivano i soldi della cassa. E per molti tra i 105 lavoratori di Eleca, si tratta di tornare a mangiare davvero. C’è chi si nutre da otto mesi di pasta al sugo, chi va alle sagre per mangiare della carne.

Grazie alla complicata burocrazia su cassa integrazione e relative liquidità, i 105 lavoratori di Eleca stanno iniziando ora a ricevere almeno una parte delle mensilità dovute.

L’ultima volta accadde a fine gennaio. Prima che iniziasse un incubo ininterrotto di nove mesi. Con pesantissimi strascichi per tantissime famiglie, un tempo occupate nella fallita azienda di via Como.

«Ho pensato di non iscrivere i figli a scuola e ho continuato per mesi a mangiare solo pasta al pomodoro, perché è difficile in una situazione del genere permettersi altro» confidava negli scorsi giorni Luigi Molteni.

I DETTAGLI, ANCHE SUI CREDITORI, SUL GIORNALE DI OGGI

© riproduzione riservata