Martedì 06 Gennaio 2009

Gas, primi segnali in Italia
dello stop delle forniture da Mosca

Nella giornata di oggi Gazprom assicura all'Italia solo 7 milioni di metri cubi di gas contro i 45 milioni di metri cubi richiesti, oltre l'80% in meno. E così anche l'Italia, oltre a tutti gli altri paesi dell'Europa, risente della riduzione delle fornitureIl ministero dello Sviluppo economico ha assicurato comunque che grazie alle riserve il nostro Paese sarà al sicuro per diverse settimane. La richiesta di oggi di 45 milioni di metri cubi è dovuta alle festività: in genere l'Italia chiede alla Russia in media al giorno 60 milioni di metri cubi di gas.

Intanto, il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, ha firmato il decreto che assicura la massimizzazione degli approvvigionamenti dagli altri Paesi nostri fornitori, come Libia, Algeria, Norvegia, Gran Bretagna e Olanda. Lo rende noto lo stesso ministero. Predisposta anche la convocazione del comitato per l` emergenza e il monitoraggio del sistema del gas. "In seguito alle recenti evoluzioni della crisi energetica che intercorre tra la Russia e l`Ucraina, il ministro - si legge nella nota - ha firmato il decreto che assicura la massimizzazione degli approvvigionamenti dagli altri Paesi nostri fornitori, come Libia, Algeria, Norvegia, Gran Bretagna e Olanda, ed ha predisposto la convocazione del comitato per l` emergenza e il monitoraggio del sistema del gas, formato dai rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico, dell`Autorità per l`Energia elettrica e il gas, di Snam, gestore del dispacciamento, di Stogip ed Edison, titolari degli stoccaggi, di Terna, per la rete elettrica, e delle società di shippers". Compito del Comitato è di "monitorare e valutare, sulla base di simulazioni tecniche, la necessità - si precisa - di adottare le eventuali misure anticrisi. Il ministro sta inoltre accentuando tutte le iniziative in corso in sede europea per risolvere il problema e assicurare la normalità degli approvvigionamenti dalla Russia", conclude.

s.casiraghi

© riproduzione riservata

Tags