Venerdì 15 Novembre 2013

Il Resort Collina d’Oro apre la nuova Spa

E si aggiudica il guru del benessere

Sergio Tarchini e Alain Mességué alla conferenza stampa

Il Resort Collina d’oro continua a crescere e conta di esaurire anche la vendita e gli affitti di appartamenti entro la fine del 2014. E il benessere degli affari passa anche da quello di corpo e psiche: ieri Silvio Tarchini ha infatti lanciato l’accordo con il guru della disintossicazione (anzi, detossinazione, come preferisce definirla) Alain Mességué.

Un’intesa, quella presentata al Centro svizzero di via Palestro a Milano, che ha più di un legame con Como. Primo, ed evidenziato ieri con la presenza di Daniele Brunati: è stato il comasco determinante nel portare il francese a Lugano e aprire la nuova Spa.

Non solo. Molti italiani frequentano la Collina d’Oro (un investimento di 90 milioni di franchi), struttura firmata dall’architetto Ettore Mocchetti e voluta da Tarchini. E un gruppo consistente anche da Como, come sottolinea Mr FoxTown.

Il resort - tra parte alberghiera e residence - era già stato strutturato con un’attenzione particolare all’equilibrio psico-fisico.

Dal 12 gennaio l’arrivo di Mességué rafforzerà la mission, portando la sua filosofia, ribadita anche simpaticamente ieri dal francese.

Erbe e la sapienza della natura, sposate alla tecnologia, «per raggiungere e mantenere una migliore forma fisica e psichica».

Niente digiuni o attività fisica da record (tanto più durante i soggiorni, dove è addirittura previsto il riposo), bensì un’alimentazione studiata nel segno dell’equilibrio, ha osservato Mességué.

Attualmente, il resort con i contratti d’affitto ha richiamato molti italiani appunto, ma anche tedeschi, inglesi e russi.

Una curiosità, visto che Catherine Zeta-Jones ha raccontato di aver visitato (ed apprezzato) FoxTown, Tarchini la inviterebbe anche al Collina d’Oro? Volentieri, sorride l’imprenditore svizzero.

E intanto si dice che tra i volti noti comparsi nella struttura nuova di zecca a Lugano ci sia stata Michele Hunziker.n

© riproduzione riservata