Martedì 17 Dicembre 2013

Moncler ricomincia a salire

dopo il debutto-boom

Moncler-Listing-Ceremony-Milano-16.12.13

Dopo il botto del primo giorno di quotazione (+47%) , prevedibile assestamento per il titolo Moncler, che martedì ha perso il 5%. Ma oggi, mercoledì, recupera anche per il sostegno di Piazza Affari (+0,9%) che allunga col resto d’Europa, grazie anche ai futures Usa positivi. Così a metà mattina Monceler cerca il rialzo e vanta un +1,2%.

«Entriamo in Borsa con rispetto e serietà» questo l’incipit dell’intervento dell’imprenditore comasco Remo Ruffini, applaudito come una star sul palco a Palazzo Mezzanotte.

«L’abbiamo fatto per trasparenza verso gli investitori e per aprire le porte a giovani di talento- ha continuato prima delle contrattazioni- Credo in questa storia, sono orgoglioso di aver portato il piumino dalle vette dell’Himalaya in città. Oggi lo indossa sia il ragazzo in snowboard come il manager della City». Le chiavi di tanto successo? «Abbiamo avuto coraggio» ha detto con orgoglio l’imprenditore comasco, ringraziando la formidabile squadra che l’ha accompagnato. «È un percorso che continuerà grazie alla forza di milioni di persone che mi auguro entreranno nel nostro universo, condividendo gli stessi valori. Siamo globofonici, parliamo tutti di dialetti del mondo e questa strategia ci rende credibili».

La mission è di andare sempre più in alto, senza aspettarsi l’impossibile. «Vogliamo crescere veloci, ma senza fretta, a ritmi sostenibili» ha ribadito Ruffini. Tenendo dritta la barra verso un prodotto d’altissima qualità e ricerca che «duri nel tempo». Perché Moncler «vuole essere qualcosa di più e di diverso di un semplice logo». Un cult attento ai cambiamenti del costume grazie a idee fresche e giovani. «Voglio essere continuamente stupito dal talento degli altri» ha ribadito il numero uno del brand, che non vuole farsi condizionare dal valore del titolo in Borsa. Continuerà a lavorare restando concentrato sul lavoro quotidiano. «Questo è un giorno emozionante - ha concluso - voglio continuare a far volare la nostra storia sulle ali di milioni di piume».

© riproduzione riservata