Seconde case  Mercato in ripresa  sul lago di Como
Il turismo di prossimità sta alimentando il mercato delle seconde case

Seconde case

Mercato in ripresa

sul lago di Como

L’ultimo report dell’Ufficio studi Gabetti indica forti richieste nel Basso e Centro Lario. Prezzi stabili, dai 4mila euro il frontelago nel capoluogo

La pandemia di Covid-19 ha messo in crisi il settore turistico, specialmente sul nostro territorio che, soprattutto negli ultimi anni, ha accolto un numero crescente di ospiti stranieri. La ripresa delle ultime settimane è lenta e le prospettive restano incerte. Viceversa, l’emergenza sanitaria ed il crollo dei viaggi all’estero degli italiani hanno impresso una forte dinamicità al mercato delle seconde case, anche in provincia di Como.

Sono stati infatti numerosi i milanesi, e non solo, che hanno scelto in questa estate i laghi lombardi, anziché il mare, per le proprie vacanze estive. Secondo l’ultimo report redatto dall’ufficio studi Gabetti, il lago di Como mantiene un elevato appeal, soprattutto per i versanti Como direzione Menaggio, Como direzione Bellagio e Lecco direzione Colico.

In particolare, per quanto riguarda le quotazioni riferite a immobili in buono stato, la città di Como mantiene prezzi elevati, che si attestano mediamente tra i 4.000 e i 5.500 euro al metro quadrato per le soluzioni fronte lago, con valori superiori alla media per soluzioni di particolare pregio. Nelle zone interne si va invece dai 1.850 ai 3.700 euro al metro quadrato. In questo contesto si distingue il centro storico, caratterizzato da valori ancora superiori.

La località di Cernobbio ha mantenuto un ruolo di primo piano in termini di richieste, configurandosi come mercato sia di prime, sia di seconde abitazioni. Qui, sempre secondo l’analisi di Gabetti, i prezzi per le soluzioni fronte lago si mantengono stabili anche per il 2020 dai 4.450 ai 5.250 euro al metro quadrato, mentre le zone interne hanno subito un leggerissimo calo con valori che vanno dai 2.000 a 3.650 euro al metro quadrato.

Il Basso Lario

Carate Urio, Moltrasio e Laglio mantengono in larga misura i valori del 2019, compresi tra i 3.500 e i 4.750 euro al metro quadrato per le soluzioni fronte lago, mentre si scende a 1.700 – 2.900 euro per le zone interne, con lievi differenze a seconda della località e una leggera diminuzione rispetto al 2019.

La località di Bellagio ha quotazioni per le soluzioni fronte lago sui 3.000 - 4.500 euro al metro quadrato, mentre si scende a 1.400 – 2.600 euro al metro quadrato per le zone interne.

Per quanto riguarda invece la locazione estiva, il canone settimanale medio è intorno ai 700 – 800 euro, che arriva fino ai 2.500 euro per un appartamento con due camere da letto.

«Il mercato è ripartito subito dopo la fine del lockdown con compravendite e locazioni in ripresa – ha commentato Roberto Riggio, titolare dell’agenzia Gabetti di Como, in via Manzoni –. Le località più richieste interessano entrambi i versanti destro e sinistro del lago di Como – prosegue – ma, in misura maggiore, le località lungo l’asse Como direzione Menaggio. La provenienza di turisti è per lo più sostenuta dai milanesi – dice ancora Riggio -, anche se non mancano turisti francesi, tedeschi ed olandesi. La tipologia più ricercata – conclude - è il bilocale e il trilocale in prima fila lungo lago, specialmente se dotato di spazio esterno e box o posto auto».

Le nuove abitudini

Il lockdown ha stravolto le abitudini e il calendario di molte famiglie: diverse aziende, infatti, hanno scelto di non osservare la tradizionale chiusura nel mese di agosto. Questa decisione ha contribuito a dare un nuovo impulso alla scelta di affittare una casa nel periodo estivo, per offrire alla propria famiglia un posto confortevole anche mentre si è operativi in modalità smart working.


© RIPRODUZIONE RISERVATA