Camion con gru centra il ponte, portata ridotta del 33%

Eupilio Grave il danno provocato alla struttura. La Provincia dispone lavori urgenti per 70mila euro. Limite a 7,5 tonnellate

Camion con gru centra il ponte, portata ridotta del 33%
Il viadotto che scavalca la provinciale 42 nel tratto di via PanigattiBartesaghi

Un camion pirata centra il cavalcavia che scavalca la provinciale, e causa gravi danni al punto da imporre un intervento urgente e la riduzione del 33% della portata, ora limitata ai mezzi fino a 7,5 tonnellate.

Il cavalcavia che in quel tratto assume la denominazione di via Segantini scavalca la provinciale 42 nel tratto di via Panigatti. L’impatto del camion con la gru ha causato danni anche a parti delle travi principali.

L’amministrazione provinciale martedì ha affidato un intervento urgente di ripristino per una cifra di quasi 70mila euro e intanto si è definito una diminuzione della portata con limite a 7,5 tonnellate.

Tutto parte da un danneggiamento avvenuto a maggio a causa di un camion con gru per il carico e scarico nel cassone, in quell’occasione il conducente non si era fermato: «A noi come amministrazione le prime comunicazioni sul danno sono arrivate proprio per l’impatto della gru del camion contro il cavalcavia. Il conducente non si era fermato ed era stato visto – spiega il sindaco Alessandro Spinelli - La polizia locale utilizzando le riprese video dei varchi presenti sul territorio in particolare quelli dell’area della Pro loco è riuscita a risalire alla proprietà del camion di una ditta del Milanese».

Il cavalcavia è stato danneggiato il 12 maggio, il 17 c’è stato il sopralluogo dei tecnici provinciali. Questo l’esito: «Per quanto riguarda il cavalcavia alla Sp42 in Comune di Eupilio che sorregge la strada comunale denominata via Segantini, è stato eseguito un sopralluogo, accertando lesioni strutturali dell’intradosso dell’impalcato localizzate in corrispondenza delle travi longitudinali; che il grave danneggiamento delle travi di impalcato ha interessato anche dei trefoli di precompressione di alcune delle travi principali ed ha compromesso la capacità dell’impalcato in una misura stimabile intorno 33% del valore originario del progetto».

A parte i termini tecnici la conclusione immediata è stata: «Permane una condizione di pericolo che ha richiesto l’immediata riduzione della portata del ponte con apposizione di segnaletica con limite al più pari a 7,5 tonnellate da parte del Comune di Eupilio». E infine: «...che, pertanto, è necessario intervenire a salvaguardia della pubblica e privata incolumità e per il ripristino immediato dell’impalcato mediante un intervento di riparazione locale, da eseguirsi con somma urgenza; che per l’esecuzione delle suddette opere urgenti è stata contattata l’impresa Dacsa di Cogliate (Mb) che, senza alcun indugio, si è resa prontamente disponibili ad intervenire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}