Il lido di Montorfano anticipa l’apertura «Relax in sicurezza»

È iniziata la stagione di tuffi e tintarella con i bagnanti arrivati da Brianza e Milanese. Il gestore: «Cerchiamo personale di sala e camerieri»

Il lido di Montorfano anticipa l’apertura «Relax in sicurezza»
Prima giornata di apertura estiva per il lido di Montorfano
(Foto di (Foto Bartesaghi))

Complice il clima caldo, il Lido di Montorfano ha aperto ieri la stagione estiva, con un giorno di anticipo sulla tabella di marcia.

Se in passato l’apertura era quasi una normale routine, dopo due anni di Covid, questo sabato è stato quasi come un primo giorno di scuola. Il Lido ovviamente non ha mai chiuso, nemmeno nel 2020 e nel 2021 (caratterizzati dalla pandemia), ma ha dovuto, come tutti, mettere in atto le regole su distanziamenti, mascherine, igienizzazioni, gel e numeri contingentati durante le giornate di maggiore afflusso.

Decine di ingressi

Ieri nessun assalto, del resto è ancora maggio, ma decine di persone hanno voluto trascorrere la giornata, soprattutto il pomeriggio, sulla spiaggia verde del Lido, immersa nella Riserva naturale del Lido di Montorfano.

I più temerari e i più accaldati hanno anche voluto fare il primo bagno della stagione nelle acque del lago. Qualcuno aveva titubanze ed esitazioni più legate al calendario che all’acqua: «Questo anticipo d’estate ha reso l’acqua davvero calda per il periodo – conferma il gestore, Alan Emanuele – Qualcuno che aveva timore a entrare in acqua, alla fine si è convinto e ha fatto il bagno. Altri invece hanno approfittato per riposarsi e passare il tempo sulla riva oppure prendere il sole».

Tra i turisti, come sempre, ci sono i clienti fissi, che da decenni frequentano il Lido di Montorfano e lo vivono come una seconda casa. Persone di Como e dei dintorni che ne approfittano per staccare la spina e rilassarsi a due passi da casa.

Una giornata al fresco

Ieri c’erano anche bagnanti dalla Brianza e dal Milanese spinti, alcuni per la prima volta, a trovare refrigerio a Montorfano durante questa prima ondata di caldo anticipata.

Il clima che si respirava era quello della ripartenza: spiaggia e area ristorazione completamente all’aperto, e senza più obbligo di mascherina, anche se qualcuno per precauzione la indossa ancora.

«Abbiamo comunque deciso, sia nell’area ristorazione che sulla riva, di mantenere il distanziamento di sicurezza – sottolinea il gestore – È importante, ma questo la gente lo sa, evitare di assembrarsi come sardine». L’estate del post Covid è quindi servita e Montorfano apre le danze con un appello anche per la ricerca del personale per la ristorazione: «Abbiamo bisogno soprattutto di camerieri e personale di sala – chiosa il gestore – Si fa fatica a trovare persone: chi fosse interessato ci contatti visitando il nostro sito internet per i contatti».

(Simone Rotunno)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

{# #}