Lunedì 12 Aprile 2010

Uno studente su due al liceo
Ma il Setificio batte il Giovio

COMO «Il dato più eclatante, e che ci coglie un po' in contropiede, è l'incremento dei licei e il decremento degli istituti professionali». Così l'assessore provinciale all'Istruzione, Achille Mojoli, introduce il quadro riassuntivo delle iscrizioni per l'anno scolastico 2010/2011.
Il debutto della riforma Gelmini ha certamente rimescolato le carte e dal mazzo sono usciti vincenti i licei, scelti quasi da uno studente su due (48% del totale contro il 44% del 2009/2010). Anche l'istruzione tecnica non ha perso appeal, ma anzi risulta rafforzata: 35%, ovvero due punti in più rispetto all'anno scorso. È il settore professionale a fare la parte della cenerentola, nonostante le novità introdotte dalla riforma (un ordinamento statale di 5 anni e uno regionale di 3+1) con l'intento di ridurre gli abbandoni degli studi e avvicinare scuola e impresa. Tuttavia, i risultati sono stati deludenti: la Leonardo da Vinci, cui dall'anno prossimo è stata conferita anche la gestione dell'attuale succursale del Romagnosi a Canzo con l'obiettivo di salvarla dalla chiusura per insufficienza di alunni, ha raccolto tra le due sedi meno matricole di quelle che nel 2009 aveva avuto quella di Como da sola (erano 95 più 37 a Canzo, oggi sono 64 più 18). La Ripamonti fa segnare addirittura un -44, passando 218 a 174 iscritti.
Al contrario i licei, con l'eccezione (cda approfondire» dice Mojoli) del Galilei di Erba, fanno il pieno. O meglio, la vecchia guardia resiste con un minimo di affanno (il «Volta» passa da 143 a 138 neoiscritti, il «Giovio» da 217 a 198), mentre c'è del nuovo che avanza: l'ex magistrale «Ciceri», grazie anche alla spinta del nuovo liceo musicale (27 matricole in attesa che l'indirizzo venga confermato dal ministero), sale da 206 a 260 neoiscritti, ma la vera sorpresa è il Carcano (272 matricole, + 126 rispetto all'anno precedente), non più soltanto Setificio (comunque gli indirizzi tecnici hanno raccolto 201 iscrizioni) ma anche liceo scientifico (questa sezione è passata da 31 a 71 iscritti).

f.angelini

© riproduzione riservata