Sabato 22 Maggio 2010

Stupro a Lomazzo, il fermato
non parla e resta in cella

LOMAZZO La scena muta davanti al magistrato gli costa un biglietto di permanenza nel carcere, con la pesantissima accusa di violenza sessuale. Il 32enne manovale marocchino si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell'interrogatorio di convalida del fermo, davanti al gip Alessandro Bianchi. Al quale non è rimasto altro che convalidare il fermo (vista l'esistenza di indizi a carico del fermato, quali il riconoscimento della vittima e le immagini della telecamera della stazione delle Nord che hanno ripreso presunto violentatore e 16enne assieme) e disporre la custodia cautelare in carcere.
La denuncia della giovanissima risale a lunedì scorso quando la studentessa, dopo essere scesa dal treno alla stazione, si è seduta su una panchina, vicino a un uomo straniero, con il quale si è poi allontanata a piedi. Pochi minuti dopo si sarebbe verificata la violenza sessuale nel vicino parco.

p.moretti

© riproduzione riservata