Lunedì 24 Maggio 2010

Moto rubata in pieno giorno:
"Chi ha visto si faccia vivo"

COMO - Ma è possibile rubare una moto 125 alle cinque del pomeriggio di un sabato tra la folla di piazza Volta e senza dare nell'occhio? Se lo chiedono con rabbia (e un po' di magone) Alessandro, che della moto è il proprietario, e i suoi genitori, stupiti e sconcertati dalla rapidità e dalla scaltrezza con cui il ladro di turno è riuscito in un'impresa così inverosimile da avere fatto inizialmente pensare addirittura a uno scherzo.
La storia: sabato, a poco più di tre ore dall'inizio della finale di Champions league, con un sole finalmente estivo ancora a picco sui vicoli del centro storico e migliaia di persone impegnate nello struscio festivo da piazza Cavour a via Milano, Alessandro, studente 17enne di San Fermo, lascia il suo adorato Ktm nei posteggi per motociclette di piazza Volta. La assicura con il blocca sterzo e con una catena di sicurezza poi, con gli amici, si allontana verso piazza Mazzini: «Due ore dopo - racconta la madre sconcertata - mi chiama e mi racconta che la moto è sparita». All'inizio Àlessandro pensa a uno scherzo: troppo sole, troppa gente, troppi testimoni per credere che qualcuno abbia davvero osato tanto. Ma sbaglia:al posto del suo Ktm c'è un'altra moto, la sua chissà, sparita nel nulla. «Siamo disposti a ricompensare in modo adeguato chiunque sappia aiutarci a ritrovarla», dice ora la mamma, dettando anche il numero di targa del motociclo (DD 88288) che, come detto, ha 125 cc di cilindrata e carena arancione, nera e bianca. Immatricolata nel 2007, la moto - il cui furto è stato regolarmente denunciato ai carabinieri di via Borgo Vico - ha un valore di circa seimila euro. Pare che non sia neppure il primo Ktm che sparisce, anzi: a scorrazzare per social network (Facebook, tanto per citarne uno)si scopre che negli ultimi mesi, a Como, ne sarebbero stati rubati diversi. Quello che tuttavia preoccupa di più è che il ladro (o i ladri)abbia potuto agire totalmente indisturbato nel pienone del sabato pomeriggio. Chi sapesse qualcosa può rivolgersi ai carabinieri di via Borgo Vico.

m.schiani

© riproduzione riservata