Venerdì 02 Luglio 2010

Un giorno a Como
in cinquanta scatti

Una giornata a Como, dall'alba fino a notte fonda, raccontata attraverso la macchina fotografica. Protagonisti di questo "fotodocumentario" sono gli studenti della scuola cinevideo Dreamers, nell'ambito di un laboratorio curato da Gin Angri. La carrellata di 50 immagini comincia alle 4 del mattino nelle strade deserte del centro storico, alle 5 apre l'edicola di piazza Duomo. Alle 6 comincia ad animarsi la stazione San Giovanni e alle 7 il mercato coperto. L'ora successiva è quella del viavai del pullman carichi di studenti. Nel corso della giornata l'obiettivo si sposta nei centri vitali della città, con un occhio di riguardo sia per la storia (il museo della seta) che per l'attualità (l'area ex Ticosa e la Ca' d'industria). Affascinante la città turistica (dalla funicolare agli scatti in volo su un idrovolante) molto meno quella di notturna, con le emblematiche immagini dell'ex cinema Plinio di viale Lecco e dell'ex teatro Cressoni di via Diaz, chiusi da tempo immemorabile.

p.berra

© riproduzione riservata