Sabato 25 Settembre 2010

La moda verde a Como
sfila a Orticolario

COMO Altro che ciclo delle stagioni vegetative, anche piante e fiori seguono le stagioni della... moda. Un esempio? Difficile se non impossibile trovare nelle case più glamour o modaiole ficus, azalee, begonie che fanno tanto anni Sessanta. Più probabile vedere in bella mostra sul tavolo di designer una splendida orchidea o nell'angolo del salotto in stile scandinavo un'enorme, costosissima, pianta grassa. Insomma, le mode passano e pure i fiori ne fanno le spese. E se le sfilate di Milano dettano la linea in fatto di moda femminile, Orticolario in programma il prossimo week end a villa Erba a Cernobbio, dopo il successo della prima edizione si candida a diventare la passerella d'eccellenza del prêt à porter della moda «verde».
Non a caso ad inaugurare la mostra l'1 ottobre sarà una madrina d'eccezione: Li Edelkoort, trend forecaster di fama internazionale, colei che anticipa le tendenze della moda e degli stili di vita a livello globale. Ma soprattutto un'amante del giardinaggio. Qualche anticipazione per l'autunno-inverno 2010? «La scelta è vasta, dipende dal carattere di ciascuno anche se oggi la regola che prevale è quello della "temporaneità"» spiega Alfredo Ratti, nome d'eccellenza del florovivaismo comasco e una delle anime della rassegna. «Oggi nella scelta delle piante d'interni si preferiscono varietà facili e poco costose in modo da poter variare più spesso». Piante e fiori, insomma, sono come un bell'abito da cambiare in base alla stagione e, perché no dell'umore del momento. E il mercato si adegua sfornando versioni infinite della stessa pianta. Ad Orticolario, ad esempio, Alfredo Ratti presenterà ben 50 varietà di anthurium, una di quelle piante, per intenderci che tutti abbiamo o abbiamo avuto in casa. E per chi riesce a tenere vivo uno spathiphyllum nemmeno per una settimana, arrivano le parole consolatorie di un super esperto come Ratti: «Il pollice verde? Un'invenzione di Lina Sotis. Se le piante muoiono è perché non hanno l'acqua e la temperatura giusta». Guarda il sito di Orticolario
Elvira Conca

a.savini

© riproduzione riservata