Domenica 30 Gennaio 2011

E per i tecnici del muro
ora arriva anche la lode

COMO - Dirigenti comunali ancora nel mirino. Ed è un fuoco incrociato. Da un lato Autonomia liberale (maggioranza) critica le modalità di valutazione seguite finora, ricordando che nell'anno del muro il responsabile del procedimento e il direttore lavori hanno ottenuto punteggi comunque alti, e chiede una commissione speciale per analizzare l'operato dei dirigenti nel 2010 e proporre un nuovo meccanismo di attribuzione dei premi. Dall'altro l'opposizione (segnatamente il Pd) deposita un'interrogazione per chiedere lumi sulla scarsa trasparenza di alcuni dirigenti (6 su 18 non hanno rivelato redditi e situazione patrimoniale) e suggerisce di sanzionare gli inadempienti.
«Scorrendo una tabella pubblicata di recente dal Comune, sono rimasto di stucco - spiega Luigi Bottone (Autonomia liberale) - I due dirigenti che seguono il cantiere delle paratie hanno infatti ottenuto per il lavoro svolto nel 2009, l'anno del muro, una percentuale altissima alla voce “raggiungimento obiettivi strategici”: Antonio Ferro il 96% e Antonio Viola il 92%». Sulla scorta di questi dati, Bottone si appresta a depositare una proposta di delibera urgente: «Visto che il 2010 è stato caratterizzato da moltissimi problemi in quasi tutti i settori, chiediamo di istituire una commissione che analizzi se gli obiettivi fissati dal sindaco sono stati realmente centrati - sintetizza Bottone -  L'organismo predisporrà poi una relazione dettagliata da presentare in sede di discussione del bilancio in modo che si possa valutare al meglio come e a chi destinare le risorse». Marcello Iantorno (Pd) ha invece presentato un'interrogazione per sapere dal sindaco «se intenda intraprendere azioni disciplinari» nei confronti dei dirigenti che non hanno comunicato le informazioni sul reddito e la situazione patrimoniali (Nunzio Fabiano, Antonietta Marciano, Antonio Ferro, Marco Fumagalli, Giovanni Fazio e Maurizio Ghioldi). Iantorno chiede, in particolare, «se sia ipotizzabile come sanzione a carico degli inadempienti la sospensione dell'indennità di risultato».

p.berra

© riproduzione riservata