Mercoledì 27 Aprile 2011

Discarica in Spina Verde
Una condanna a Como

COMO All'interno della sua ditta di costruzioni aveva realizzato, senza permessi, una tettoia sotto la quale le guardie ecologiche e gli uomini del corpo forestale dello Stato hanno trovato ammassati rifiuti edili e anche lastre di eternit. Un deposito abusivo di materiale realizzato, tra l'altro, all'interno dei confini del Parco della Spina verde. Il giudice di Como Carlo Cecchetti ha condannato a 4 mesi di reclusione e al pagamento di un'ammenda di 30mila euro un imprenditore edile, accusato di reati ambientali ed edilizi. Una condanna sulla quale pesa una subordinata che rischia di costare cara all'imprenditore: qualora non provveda al ripristino dei luoghi decadrà la sospensione condizionale della pena.
Protagonista della vicenda è Leonardo Iammucci, 24enne giovane imprenditore amministratore unico della Iammucci Costruzione srl di via Mirabello 19, a Trecallo. L'azienda si trova proprio al confine del parco regionale della Spina Verde, una zona tutelata dal punto di vista ambientale ed edilizio. Nel 2009 le guardie ecologiche dell'amministrazione provinciale di Como e gli uomini della forestale hanno effettuato un sopralluogo all'interno dell'azienda di Iammucci e, a seguito del blitz, hanno inviato alla procura una relazione. A causare la segnalazione alla magistratura è stato il ritrovamento, all'interno dell'azienda edile, di una tettoia sotto la quale era parcheggiata una betoniera e ammassati numerosi rifiuti edili tra cui, da quanto emerso, anche delle lastre di eternit.
Ieri mattina il fascicolo è approdato in aula, in tribunale a Como. Il magistrato ha giudicato il giovane costruttore edile colpevole di aver violato norme ambientali ed edilizie e lo ha condannato al pagamento di un'ammenda di 30mila euro e a 4 mesi di carcere, pena sospesa ma a condizione che l'imputato, qualora la sentenza passasse in giudicato, provveda al ripristino dei luoghi, ovvero a togliere sia il materiale edile che a rimuovere la tettoia abusiva.

a.savini

© riproduzione riservata