Giovedì 28 Aprile 2011

Inverigo, i vandali in azione
Tagliate le reti degli uccellini

INVERIGO Erano già entrati in azione un paio d'anni fa. Poi nelle scorse settimane. E adesso il danno è completo: le reti utilizzate per censire la fauna – nello specifico gli uccelli - nella zona delle foppe di Fornacetta sono state tutte tagliate da ignoti. Il che ha reso necessaria una denuncia ai carabinieri e renderà un po' più complessa l'attività, d'ora in avanti. Ma di certo non la ferma: tanto che il 15 maggio riprenderanno le visite guidate all'area umida, di proprietà del Parco regionale della valle del Lambro, che si ripeteranno poi ogni terza domenica del mese in collaborazione con Le Contrade. Una brutta sorpresa davvero quella che si è trovato davanti l'ornitologo Marzio Porro, che a scopo di ricerca scientifica, con l'autorizzazione della Regione, dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e del Parco, svolge l'attività di cattura e inanellamento degli uccelli. In questo angolo del paese al confine con Briosco, un'ex cava d'argilla, si è ricavata da un'area industriale degradata una zona di notevole interesse ambientale soprattutto per quanto concerne l'equilibro di riproduzione e alimentazione degli uccelli, in particolar modo i transahatiani. Una quindicina di giorni fa la scoperta che tre reti dell'impianto di cattura posto nel canneto erano state danneggiate. Nessun dubbio che si trattasse di un gesto vandalico voluto, visto che le reti sono state poi abbandonate sul posto. E verosimilmente gesto premeditato, perchè si è verificati in un periodo in cui i transetti erano chiusi e nessuno era presente sul posto. Poi il secondo episodio, stavolta definitivo, alla vigilia di Pasqua. Undici rete tagliate in modo da essere inutilizzabili. In pratica tutte. Da qui la decisione di sporgere denuncia ai carabinieri di Lurago d'Erba.

r.foglia

© riproduzione riservata