Martedì 12 Luglio 2011

Maturità sotto il segno dei gemelli
In quattro prendono il massimo

COMO - Di tutti i cento delle scuole comasche, ben quattro appartengono a due eccellenti coppie di gemelli. Francesca e Alessandra De Pasquale, di San Fermo, hanno affrontato l'esame di Stato al liceo Giovio, mentre Riccardo e Raffaele Valli, residenti a Rodero, rispettivamente al Setificio e alla Magistri Cumacini.
«Sin dalle elementari siamo stati in classe insieme, poi alle superiori abbiamo fatto scelte diverse» raccontano Raffaele e Riccardo. «Ci siamo sempre impegnati molto, le nostre valutazioni si sono sempre assomigliate», e continuano: «Speravamo di uscire con lo stesso voto alla maturità». Così, quando hanno saputo i risultati: «Eravamo felici l'uno per l'altro» ed hanno festeggiato l'atteso esito dell'esame di Stato in famiglia.
Anche le studentesse dello scientifico dicono di sentirsi «soddisfatte, perché è stato un percorso lungo faticoso», e aggiunge Francesca: «Volevamo uscire con lo stesso voto, siccome dopo gli esiti degli scritti eravamo sicure di poterci riuscire, ci siamo impegnate al massimo». Francesca e Alessandra De Pasquale hanno sempre «frequentato gli stessi istituiti ma in classi diverse, fin dall'asilo; invece alle superiori eravamo nella stessa sezione e questo ci ha rese felicissime. Purtroppo però al terzo anno ci hanno divise di nuovo, ma non è stato un problema» assicurano, «tanto non studiamo mai assieme».
E se alle volte si sentono dare delle secchione: «Ci ridiamo su, l'abbiamo sempre preso come un complimento». Le gemelle però non hanno ancora festeggiato l'esito della maturità: «Aspettiamo la nostra sorellina da Londra».
Eppure, se nella carriera scolastica i gemelli Valli sono ugualmente ammirevoli, nella vita sono diversi, quasi opposti: «Io sono molto più riflessivo ed ordinato», racconta Riccardo, «mio fratello invece è sempre diretto ed estroverso». Tanto che nelle tesine hanno rispecchiato il loro diverso stile di vita; Riccardo ha affrontato «la chimica  nelle feste paesane, analizzando il menù tipico: costine, patatine fritte e birra»; Raffaele invece, in linea col suo carattere schietto, ha realizzato un progetto «di illuminazione avente come finalità il risparmio energetico; in particolare in un ambiente scolastico». Diversi sì, ma molto uniti: «Frequentiamo gli stessi amici, certo cerchiamo di essere indipendenti tra noi, ma il legame che ci unisce è molto forte».
Anche Francesca ed Alessandra hanno interessi diversi: «Io suono il violoncello» racconta Alessandra; «a Francesca invece piace cucire, e fantasticare di moda». Tuttavia, nonostante i caratteri così differenti, sono in sintonia anche per quanto riguarda l'imminente futuro: «Non vedevamo l'ora di finire le scuole superiori, perché così si aprono finalmente nuovi orizzonti».
Se, per quanto riguarda l'università, i gemelli Valli opteranno ancora per scelte di tipo diverso, le sorelle De Pasquale, seguiranno lo stesso percorso: «Ci iscriveremo a Medicina».
Valentina Nichele

p.berra

© riproduzione riservata