Mercoledì 23 Novembre 2011

Ok di Bruni al centro pedonale
«Ma niente bus in viale Lecco»

COMO Pedonalizzare tutta la zona compresa tra piazza Verdi, piazza Roma e i Portici Plinio: il sindaco dice sì. Ieri, per la prima volta, Stefano Bruni ha preso posizione esplicitamente sul progetto messo a punto dall'assessore alla Mobilità Stefano Molinari e dal dirigente Pierantonio Lorini.
Il piano, emerso nelle scorse settimane, prevede di spostare il capolinea degli autobus (attualmente è ai Portici Plinio) e di trasformare in Zona a traffico limitato - escludendo quindi bus e auto, salvo i residenti - tutto il quadrante nord-est della città murata: piazza Verdi, via Rodari, piazza Roma, via Bianchi Giovini, via Plinio, piazza Grimoldi, via Macchi, via Pretorio.
I parcheggi (piazza Roma, piazza Grimoldi e via Pretorio) non verrebbero eliminati ma riservati ai residenti. Solo la linea 1 degli autobus avrebbe accesso alla nuova Ztl (i mezzi percorrerebbero in entrambi i sensi via Rodari e via Bianchi Giovini, transitando anche da piazza Roma e via Fontana).
Il sindaco valuta positivamente la rivoluzione, compreso lo spostamento del capolinea dei bus. Ma boccia l'idea (sempre targata Molinari-Lorini, d'intesa con la Provincia e Asf Autolinee) di ricavare in fondo a viale Lecco la nuova area per la sosta dei mezzi pubblici: «Sono assolutamente d'accordo - dice Bruni - sul fatto che si debba intervenire nella zona dei Portici Plinio e di piazza Roma, il progetto di pedonalizzazione è del tutto condivisibile. Non sta né in cielo né in terra, invece, l'ipotesi del capolinea in viale Lecco, perché aumenterebbe il caos, per di più portando i pedoni in mezzo a una strada trafficatissima».
L'alternativa, peraltro già citata in passato, è un capolinea nella zona della stazione ferroviaria San Giovanni: «Non so, non sta a me scegliere, bisogna parlare con l'azienda di trasporto e con i tecnici - sostiene Bruni - per trovare una soluzione».
Il progetto, per ora, prevede il capolinea nel tratto di viale Lecco compreso tra il Comune e piazza del Popolo (sparirebbero 16 posti auto per far spazio ai bus).

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola mercoledì 23 novembre

a.savini

© riproduzione riservata