Domenica 18 Dicembre 2011

Lanzo, primi fiocchi di neve
e gli impianti sono quasi pronti

LANZO D'INTELVI Pochi centimetri di neve in quota, asciutti e resistenti caduti nella prima serata di venerdì, fanno sperare per un imminente apertura degli impianti di risalita sulla vetta della Sighignola.
Gli operatori turistici aspettano solo che la colonnina del mercurio possa scendere al di sotto dello zero per poter azionare i cannoni già puntati sia sul campo scuola, che sulla pista del Boscone. A confermarlo l'assessore allo sport Gianfranco Girola, anche quest'anno in prima linea la promozione degli sport invernali in Alta Valle d'Intelvi.

«Aspettiamo l'arrivo del freddo atteso nei prossimi giorni e poi anche grazie all'ausilio della neve artificiale, la stagione turistica invernale può finalmente iniziare. Siamo in ritardo almeno di un mese - prosegue il suo ragionamento Girola - La speranza è che durante le feste natalizie le piste siano perfettamente innevate. La base, grazie alla neve caduta in questi giorni, potrebbe infatti essere già sufficiente».

Allo start anche i maestri della scuola Sci Valle d'Intelvi e i gestori della Società Monte Sighignola che in questi giorni hanno aperto ufficialmente le iscrizioni per i corsi di sci alpino e di snowboard riservati ai ragazzi che hanno compiuto i cinque anni e fino ai quattordici.
Nel corso, per la cui partecipazione è obbligatorio l'uso del casco, è compreso l'abbonamento stagionale, dieci ore di scuola sci e la copertura assicurativa. Il corso prevede cinque lezioni di due ore in giorni da stabilirsi dalle 14,30 alle 16,30 ed il sabato dalle 10 alle 12. A fine corso è prevista la gara competitiva.
 
Per iscrizioni e maggiori informazioni rivolgersi ad Alessio Zanotta al numero 338-5693077 e a Claudio Saldarini al 338-3785957. Attesa la coltre bianca anche per l'apertura dell'anello della pista di sci nordico ubicato nella Piana Monti tra il Valico della  Val Mara e il green del golf club. La pista  si snoda su un anello  di alcuni chilometri  ed è composta da tre percorsi.

g.devita

© riproduzione riservata