Domenica 25 Dicembre 2011

Babbo Natale ha la pancia
La crisi lo blocca nel camino

Pubblichiamo uno stralcio del racconto natalizio scritto per La Provincia da Andrea Vitali. Il testo integrale sul quotidiano del 25 dicembre.

La bilancia non mentiva. Quindi erano vere anche le voci che dal vasto mondo giungevano sin lì: c'erano pochi soldi in giro e quindi quello sarebbe stato un magro Natale.
«Magro»…, mormorò Babbo Natale guardando la lancetta della bilancia che, impietosa segnalava che aveva messo su, nell'arco di un solo anno, quasi otto chili, e tutti nel giro vita. Tutto merito, o colpa, della crisi economica che aveva messo alle strette famiglie su famiglie costringendo loro a crudeli tagli soprattutto sui regali natalizi e lui, di conseguenza, a un ozio prolungato, vista la scarsità di richieste. Da cui l'aumento di circonferenza addominale che quella mattina, dopo l'ennesima pesatura insinuò nella testa del Babbo un pernicioso pensiero: sarebbe ancora riuscito a salire e scendere per certi camini? Prima di allora non ci aveva mai pensato ma adesso quel pensiero, come un fulmine a ciel sereno, lo mise di fronte alla sua responsabilità: pochi o tanti che fossero i regali, ricchi o più facilmente poveri, non poteva certo correre il rischio di non riuscire a distribuirli. Guardò il calendario, era il primo dicembre, la fronte gli si imperlò di sudore (...)

c.colmegna

© riproduzione riservata

Tags