Venerdì 04 Maggio 2012

Acsm perde il gas a Como
In città sbarca il colosso Enel

Acsm Agam perde l'appalto della distribuzione del gas nel territorio comunale di Como e di San Fermo della Battaglia. Per i prossimi dodici anni il servizio sarà affidato a Enel Rete Gas spa, società del Gruppo F2i Reti Italia, controllata dal fondo infrastrutturale F2i.
È questo il clamoroso e per certi versi inaspettato esito della gara d'appalto (con procedura ristretta) indetta lo scorso febbraio dal Comune di Como. L'offerta di Enel Rete Gas ha avuto dalla commissione un punteggio superiore di tre punti a quella di Acsm Agam Reti Gas-Acqua, la controllata dell'ex municipalizzata comasca che ha formalmente partecipato al bando. A fare la differenza non l'offerta economica (entrambe garantivano il corrispettivo a palazzo Cernezzi di 65 euro l'anno per ogni contatore per un importo complessivo di circa trenta milioni in dodici anni) ma quella tecnica. Sul piatto l'azienda satellite di Enel ha messo l'impegno non solo ad ampliare la rete di distribuzione ma pure ad ammodernare circa 25 chilometri di quella esistente. Si parla, di circa venti milioni.
<+titolino>Gara strategica
<+tondo>«Indubbiamente una proposta interessante in prospettiva. Noi ci siamo limitati a valutazioni tecniche, ma il giudizio è incontrovertibile» commenta Antonio Viola, presidente della commissione che ha valutato le offerte. «Certo - aggiunge - non è mancata la sorpresa difronte al grosso impegno che intende assumersi Enel gas. Evidentemente la gestione della rete di Como era giudicata strategica, tanto da giustificare un impegno finanziario così importante».
La partita comunque non è finita. Il contratto dovrà essere steso nero su bianco, gli impegni sugli investimenti promessi dettagliati. Ci sarà poi il passaggio in giunta per il via libera politico.

e.conca

© riproduzione riservata