Giovedì 12 Luglio 2012

Ancora sui libri o volontari
La lunga estate dei neodiplomati

COMO C'è chi abbandonerà definitivamente i libri e già pensa al mare, al sole e alla spiaggia. C'è chi ancora è indeciso sul da farsi e chi, invece, non smetterà di studiare nemmeno con questo caldo. Ecco i programmi estivi dei neodiplomati.
Già a studiare per i test
«Vacanze? Si ma breve e vicina - dice Laura Casati, stanca ma con gli occhi felici appena esce dal Volta - devo prepararmi per il test di scienze biologiche in Statale».
Il test è il 9 settembre, ma bisogna studiare: «Alcuni dei miei compagni passeranno tutta l'estate al mare, senza preoccupazioni, magari il loro corso universitario non prevede il test d'ammissione e quindi ci si può riposare». Ma Laura non è la sola che passerà l'estate sui libri. «Il 30 agosto devo essere al Politecnico - dice Marco Crespi della Magistri - non dico per scaramanzia per quale facoltà farò il test, ma sarà molto difficile e impegnativo». I giovani neo diplomati comaschi rivolgono le energie al futuro. «Certo - afferma una stravolta Lavinia Caputo alla fine del suo orale - Ci vorrebbe una vacanza di almeno un mese per riprendersi da questi giorni di esame, ma è importante restare concentrati finché si hanno ancora le forze. Io ho deciso di frequentare l'università all'estero, quindi quest'anno niente vacanze. Mi concederò tre giorni in Liguria con i miei compagni, tutto qui».
Sembrano finiti i tempi dei divertimenti. Quest'anno si studia. Ma, per fortuna, c'è qualcuno che, nonostante i test d'ammissione all'università le vacanze, e lunghe, le ha organizzate comunque.
«Non rinuncio nemmeno per sogno alle vacanze post maturità - si sfoga Pietro Bianchi - Dopo tanta fatica mi sembra il minimo».
Volontari in Africa
«Andrò 15 giorni in Toscana con alcuni miei compagni, abbiamo programmato un'avventura tutta al maschile», dice.
E lo studio? «Si può leggere un libro anche sotto l'ombrellone o dentro la tenda, la natura aiuta la concentrazione».
E se a qualcuno questi giovani sembrano fin troppo ligi al dovere, c'è chi, come Giulia Taroni, neodiplomata delle Magistrali, ha un concetto totalmente diverso di vacanze: «Andrò due mesi in Uganda a fare volontariato - dice - Ho sempre voluto farlo e allora mi sono detta: quale occasione migliore se non la prima e ultima estate completamente libera da impegni?».

Leggi l'approfondimento su La Provincia in edicola mercoledì 10 luglio

a.savini

© riproduzione riservata