Mercoledì 15 Agosto 2012

Figino, morto nel garage
In paese choc e cordoglio

FIGINO SERENZA «È difficile, è davvero difficile». Difficile trovare le parole in in momento come questo, di fronte a una disgrazia duplice e senza nessuna risposta. Una disgrazia la morte di Virginio Belluschi, 84 anni, avvenuta domenica sera nella sua casa di via Petrarca quando l'automobile guidata dal figlio Elio, 51 anni, a quanto è stato possibile ricostruire, ha urtato la saracinesca del garage in cui stava entrando scardinandola e facendola finire contro il padre. Inutili i soccorsi, l'uomo è deceduto poche ore dopo il ricovero.

E venerdì il paese gli darà l'ultimo saluto, quando alle 15.30 si terranno i funerali nella chiesa parrocchiale di San Michele. Virginio Belluschi, un passato di lavoro alla Ferriera e oggi in pensione, era molto conosciuto e stimato, ritenuto una persona mite e gentile, con l'hobby delle passeggiate quotidiane e delle partite a scopa d'assi all'associazione Pensionati terza età, sodalizio del quale era fedele tesserato oltre che frequentatore.

«È davvero difficile trovare le parole in un momento simile - dice il sindaco Angelo Orsenigo - Difficile porsi di fronte a una vera e propria disgrazia per la quale non ci sono responsabilità. Tutto quello che possiamo fare, oggi, è dare la nostra massima vicinanza alla famiglia».

r.foglia

© riproduzione riservata