Domenica 04 Novembre 2012

Cibo scaldato per la figlia malata
Il ristorante: «Non si può»

APPIANO GENTILE  - «Mia figlia ha una malattia metabolica. Può mangiare solo la pasta portata da casa. Abbiamo chiesto di poterla scaldare e non ce l'hanno permesso».

La lite tra il papà della bambina (di cui omettiamo volutamente il nome per tutelare la minore) e il direttore che ha discusso con lui l'hanno vista tutti i clienti del Old wild west di Montano Lucino. La discussione è avvenuta proprio lì, ieri sera, all'ora di cena con il locale strapieno.
La famiglia di Appiano Gentile arriva al ristorante del cinema, padre, madre, la bambina e un altro bambino.

Si siedono al tavolo per ordinare. Il padre spiega che la figlia ha una malattia metabolica e chiede di poter scaldare la vivanda che hanno portato da casa per lei. Marino Mattioni, direttore del punto vendita, risponde che è impossibile, il padre insiste, il direttore si scusa ma non cambia versione. Il padre alza la voce, il direttore non cambia idea e nasce una discussione.  «Siamo dovuti tornare a casa arrabbiati e senza mangiare - dice il papà della bambina - ma adesso voglio andare ai consumatori. Possibile che questi bambini non siano tutelati? Anche queste sono barriere, non solo quelle per i disabili in carrozzina».

«Non è questione di tutele negate, la bambina non è in carrozzina, nessuno l'ha rifiutata o trattata male. Abbiamo solo spiegato ai genitori che non si possono portare vivande che arrivano dall'esterno in cucina, perché il regolamento lo vieta» dice il direttore.

Leggi il servizio completo nell'edizione de La Provincia in edicola domenica 4 novembre

m.schiani

© riproduzione riservata