Giovedì 03 Gennaio 2013

Cacciatori e responsabilità
Si fa il punto con l'Anuu

BERGAMO - Abbiamo trattato giovedì 6 dicembre un opuscolo diffuso dall'Anuu Migratoristi, "Sicurezza a caccia". Oggi ne estrapoliamo altre parti e vagliamo qualcuna già esaminata.

Responsabilità civile
L'articolo 12, comma b della legge nazionale numero 157 del 1992, si può dire la legge quadro sull'attività venatoria, permette l'indennizzo delle vittime di incidenti di caccia. Essa si basa sul principio secondo cui ogni azione commessa da un individuo, che cagioni danno ad un altro, obbliga l'autore del danno a ripararlo.

Il cacciatore in azione dev'essere assicurato, come previsto dall'art. 8 comma 8 della legge nazionale e dalle relative leggi regionali di recepimento. Altrimenti, in caso di controlli, incorre  in pesanti sanzioni pecuniarie.
L'assicurazione per responsabilità civile ad uso venatorio copre i danni fisici causati a terzi dal cacciatore, dalla sua arma o dal suo cane. I terzi sono identificabili in tutte le persone altre dal cacciatore stesso, compresa la sua famiglia.

Per coprire i danni che il cacciatore può provocare a se stesso o al suo cane sono normalmente necessarie garanzie complementari, da inserire nella polizza assicurativa.

Responsabilità penale
In caso d'incidente può essere evocata anche la responsabilità penale del cacciatore, in particolare se l'incidente stesso sopravviene in seguito ad un'imprudenza caratterizzata da violazione di un obbligo di sicurezza o perché ha commesso un'infrazione.

Ammende, pene detentive, sospensione o ritiro della licenza di caccia possono accompagnare questo tipo di condanna.

Responsabilità soggettiva

Sanzioni per il mancato rispetto di obblighi particolari, come norme di cui ai calendari venatori regionali e a quelli integrativi provinciali, possono aggiungersi a completamento  del dispositivo sanzionatorio. Anche in questo caso è possibile arrivare a sospensioni o ritiri della licenza di caccia.
                                                                                                      G. Mac.

m.delsordo

© riproduzione riservata