Giovedì 03 Gennaio 2013

Pescare nel Comasco
Le carte per i più giovani

COMO - 2013, anno d'importanti novità per la pesca dilettantistica in provincia. Le ricapitoliamo con l'aiuto del servizio pesca di Villa Saporiti.

Con l'inizio del nuovo anno entrano in vigore l'affidamento delle acque del Comasco, per la pesca dilettantistica, in gestione alla sezione provinciale dell'Adps (Associazione dilettantistica dei pescatori sportivi e subacquei), convenzionata con la Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva ed attività subacquee) e le nuove norme sui permessi di pesca. Pensando di fare cosa utile, il servizio pesca provinciale ha riassunto i documenti che i residenti in provincia di Como devono avere per pescare nelle acque nostrane nel 2013.

Qui di seguito ciò che serve ai minori di tredici anni:
- Tessera associativa rilasciata dall'Adps Como, del costo di dieci euro;
- Permesso di pesca rilasciato gratuitamente dall'Adps Como e dalla Fipsas;
- Tesserino segnapesci, rilasciato gratuitamente, obbligatorio soltanto per la  pesca alla trota nei torrenti e per la pesca con l'amettiera per coregonidi;
- Licenza di pesca rilasciata dalla Provincia, con versamento annuale della tassa di concessione regionale di 22,72 euro, è dovuta soltanto se si pesca con attrezzi diversi dalla canna da pesca (quadrato, tirlindana, molagna. cavedanera, spaderna, fiocina).

La settimana prossima torneremo sull'argomento pubblicando l'elenco della documentazione che necessita a chi ha più di tredici, ma meno di diciotto anni e, spazio permettendo, di quella che serve per gli adulti.
                                                                                   Maurizio Del Sordo

m.delsordo

© riproduzione riservata