Venerdì 23 Gennaio 2009

Belgio, irruzione in un asilo nido
Tre bimbi uccisi, morto un adulto

 Belgio sotto choc per la violenza scatenata in un asilo nido nella cittadina fiamminga di Sint-Gillis Dendermonde, a trenta chilometri da Bruxelles, dove un uomo con il volto dipinto a strisce bianche e nere ha fatto irruzione con un grosso coltello in mano ed ha cominciato a colpire: ha ucciso tre bambini e un uomo, stando all'ultimo bilancio ufficiale, e ha ferito fino a venti persone.
L'aggressore è stato arrestato, dopo una breve fuga è stato intercettato dalla polizia che ha messo sulle sue tracce alcune auto e un elicottero. Non si conosce l'identità dell'assassino nè i motivi che lo hanno spinto a commettere il gesto. Secondo alcuni siti d'informazione, l'uomo sarebbe ospite di una comunità per handicappati.
Secondo le prime testimonianze, l'uomo, con il volto camuffato, un capello in testa e armato di un grosso coltello, si è fatto largo nell'asilo nido a colpi di pugnale inferti a chiunque capitasse sulla sua strada. Prima di fuggire - secondo alcune testimonianze a bordo di una bicicletta - ha ucciso tre bambini e un adulto, secondo le ultime cifre fornite dal ministero dell'Interno belga. In precedenza il ministero aveva riferito di due bambini morti e un adulto ucciso, ma poi un bimbo ferito gravemente è deceduto in ospedaleme. I feriti sono una ventina, uno è particolarmente grave.
Il ministro dell'Interno fiammingo, Guido De Padt, si è recato sul posto mentre la cittadina fiamminga di Dendermonde ha immediatamente attivato il piano comunale di emergenza in caso di disastri. Le ambulanze hanno fatto la spola non-stop tra l'asilo e l'ospedale dove per alcune ore il panico e l'angoscia sono stati totali. La municipalità si è attivata immediatamente anche per garantire sostegno psicologico ai genitori delle piccole vittime.
Intanto questa mattina un altro episodio di violenza ha coinvolto una scuola elementare in Norvegia: una sparatoria ha avuto luogo nel parcheggio adiacente ad una suola elementare provocando vittime, in questo caso adulti. Resta oscura la natura della vicenda.

s.casiraghi

© riproduzione riservata

Tags