Venerdì 15 Agosto 2008

Nei guai per la truffa a cinque stelle
ai danni della sua agenzia di viaggio

Una trentenne di Cucciago rischia di finire a processo con l'accusa di truffa, per aver regalato soggiorni a cinque stelle ai suoi amici. La donna, ex dipendente di un'agenzia di viaggi di Como, è finita sotto inchiesta dopo che il suo datore di lavoro ha scoperto strani addebiti sul conto corrente dell'agenzia. Secondo l'accusa la donna approfittando del lavoro avrebbe organizzato soggiorni a Venezia, Saint Vincent e Roma per un gruppetto di amici, senza far spendere loro neppure un euro. Inoltre, secondo l'accusa, la trentenne avrebbe anche intascato acconti versati dai clienti per un valore stimato in oltre 11mila euro. La procura di Como le ha già notificato l'avviso di chiusura inchiesta, preludio del decreto di citazione in giudizio.

p.moretti

© riproduzione riservata