Sabato 14 Luglio 2012

Grazie alle app e al cloud
si risparmia l'85% di energia

Le apps possono aiutare a salvaguardare l'ambiente e a difendere le risorse naturali. Sembra un paradosso, ma la conferma arriva da uno studio che  che chiama in causa Google Apps. Quest'ultima sarebbe  fonte di enormi
risparmi energetici ed economici: secondo i dati rilasciati
dalla società un'organizzazione può ottenere un risparmio
energetico di circa il 65-85% migrando al sistema basato sul
cloud e composto da documenti, fogli di calcolo, e-mail e altre
applicazioni.
   In base allo studio del Carbon disclosure project migrando al
cloud le aziende americane ed europee, con oltre un miliardo di
dollari di ricavi, potrebbero ottenere notevoli riduzioni dei
costi energetici e delle emissioni di carbonio entro il 2020.
Nel dettaglio le aziende americane potrebbero risparmiare 12,3
miliardi di dollari e fino a 85,7 milioni di tonnellate di CO2.
Le aziende del Regno Unito potrebbero invece risparmiare 1,2
miliardi di sterline e più di 9,2 milioni di tonnellate di CO2
mentre le società francesi potrebbero risparmiare circa 700
milioni di euro e 1,2 milioni di tonnellate di CO2.
   Un esempio concreto arriva dall'americana General services
administration (Gsa) che, con i suoi 17.000 utenti su Google
Apps, ha ridotto di circa il 90% il consumo energetico dei
server e dell'85% le emissioni di carbonio, il che significa che
risparmierà circa 285.000 dollari solo di costi energetici: una
riduzione del 93%. I vantaggi, nel dettaglio, dipendono dalla
quantità di energia utilizzata dai server per il loro
raffreddamento.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags