Sabato 18 Settembre 2010

In arrivo l'influenza
Ecco cosa fare

«Influenza 2010-2011, meglio arrivare preparati». È questo lo slogan del Ministero della Salute che si prepara alla nuova ondata di influenza indicando le misure di prevenzione e fornendo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità sulla composizione dei vaccini antinfluenzali.

Secondo il Ministero la vaccinazione antinfluenzale rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire l'influenza e le sue complicanze e, dunque, anche per ridurre la mortalità correlata. Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha quindi emanato una circolare con tutte le raccomandazioni per la prevenzione dell'influenza stagionale 2010-2011 che tengono conto dell'attuale livello di allerta pandemica per il virus AH1N1. Al momento, nei paesi dell'Emisfero sud entrati nella stagione invernale e per i quali sono disponibili dati relativi alla sorveglianza delle sindromi simil-influenzali, l'andamento della malattia pare stabile o in lieve incremento, con una piccola percentuale di casi legata al virus pandemico mentre il resto delle sindromi è addebitabile ad altri virus.

Tra i consigli forniti dal Ministero, oltre alla vaccinazione, il rispetto delle più elementari regole igieniche. La trasmissione interumana del virus dell'influenza si può verificare infatti per via aerea attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, ma anche per per via indiretta attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie. Per questo, una buona igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie può giocare un ruolo nel limitare la diffusione dell'influenza.
Recentemente sono state inoltre evidenziate delle misure di protezione personali (non-farmacologiche) utili per ridurre la trasmissione del virus dell'influenza: il lavaggio delle mani, una buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani), l'isolamento volontario a casa di delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale e l'uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologie influenzali quando si trovano in ambienti sanitari.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata